Il caffè d’orzo, o più semplicemente orzo, è una bevanda ricavata dalla tostatura e dalla successiva macinatura del cereale utilizzato e conosciuto da millenni per la sua bontà e per tutti i benefici che apporta al nostro organismo.

Tazza di caffè d'orzo

Come si prepara il caffè d’orzo? Per chi è indicato? Scopriamo insieme le sue origini, le sue caratteristiche e anche il modo migliore per gustarne un’ottima tazzina.

L’orzo, un cereale antichissimo

Per capire da quanto tempo le proprietà e la bontà di questo cereale siano conosciute è sufficiente pensare che Ippocrate, padre della medicina, preparava personalmente e consumava la tisana di orzo (realizzata con la classica biada, il seme non tostato) come aiuto nel processo della digestione. E anche per fare il pieno di energia, essendo questi chicchi ricchi di amido.

In realtà le prime testimonianze del suo utilizzo come cibo sono però ancora più antiche rispetto all’epoca greca. Parliamo addirittura del Neolitico, quasi 11 mila anni fa, fattore che classifica di diritto questo cereale come il primo coltivato dall’uomo. Originario dell’Asia, arrivò in Europa nel 5000 a.C. e ancora oggi come ieri è una delle graminacee più lavorate e diffuse, indispensabile per l’alimentazione dei Paesi di tutto il mondo.

Caffè d’orzo benefici e controindicazioni

Quali sono questi già celebri giovamenti che avrà il nostro corpo se prendiamo l’abitudine di assumere caffe’ d’orzo?

  • È un potente antinfiammatorio;
  • Aiuta il processo della digestione stimolando i succhi gastrici;
  • Contribuisce a regolarizzare il transito intestinale;
  • Diminuisce il gonfiore addominale;
  • Rinforza unghie e capelli;
  • Grazie al fosforo in esso contenuto, fa bene a ossa e denti (e a differenza dell’altro caffè, quello classico, non macchia il nostro sorriso);
  • Aiuta ad abbassare i livelli di glicemia nel sangue, rivelandosi d’aiuto per chi soffre di diabete;
  • Ha effetti distensivi sia a livello fisico che mentale, ma allo stesso tempo aiuta il corpo a rimettersi in sesto e a recuperare le energie e le vitamine perse (per esempio dopo l’influenza);
  • È ricco di vitamine, sali minerali e antiossidanti, tutta salute per il nostro corpo.

Motivazioni valide e più che sufficienti per prepararsene subito una tazzina, e in più è anche delizioso e profumato. Non sono state invece riscontrate particolari controindicazioni legate al suo consumo. Solo se se ne abusa, a lungo andare, può causare meteorismo, gonfiori addominali e leggera dissenteria.

Il caffè d’orzo contiene caffeina?

L’orzo è per natura privo di caffeina, l’alcaloide presente invece nel caffè e causa primaria dell’azione stimolante di quest’ultimo. Considerare il nostro prezioso cereale un surrogato dei grani di Coffea è riduttivo: una bella tazza scura di caffe orzo è adatta anche a chi come bambini, anziani o ipertesi non può bere il classico espresso. Perfetto anche il caffè d’orzo in gravidanza.

Inoltre, proprio perché senza caffeina ma addirittura rilassante e calmante per tutto il nostro apparato digestivo, è perfetto per chi soffre di problemi allo stomaco come gastrite e reflusso. Ideale anche da bere dopocena, a fine pasto o davanti alla TV per conciliare il sonno.

L’orzo contiene glutine?

. Al pari di molti altri cereali come farro, frumento, kamut, anche l’orzo contiene glutine. Per questo se ne sconsiglia assolutamente l’assunzione alle persone celiache o a chi soffre di intolleranza, anche più leggera, al glutine.

Capsule Orzo

Via libera invece a tisane, tè e anche lo stesso caffè, perfetto il decaffeinato se si vogliono evitare gli effetti eccitanti della caffeina. Si raccomanda però, prima di procedere con l’acquisto, di chiedere sempre se il prodotto in questione possa contenere tracce di questa proteina dannosa per chi non riesce ad assimilarla correttamente, o possa essere stato contaminato durante la lavorazione da alimenti sconsigliati per determinato tipo di regime alimentare.

Ma il caffè d’orzo fa ingrassare?

Assolutamente no, anzi. Il caffè d’orzo ha pochissime calorie (circa 5 kcal per porzione!) e può anche rivelarsi un valido alleato della dieta e del nostro benessere fisico. È stato dimostrato infatti che questa bevanda svolge anche una leggera azione calmante sui morsi della fame, proprio perché molto ricca di fibre.

Certo, chiaramente se dolcifichiamo la nostra tazzina con grandi quantità di zucchero, miele, o magari lo arricchiamo con panna montata e ci mettiamo vicino un bel dolcetto, il discorso cambia. Ma al naturale è anche un’ottima fonte di sali minerali. Perfetta dunque da gustare anche dopo l’allenamento!

Come si fa il caffè d’orzo?

Ci sono diversi modi di preparare questo speciale caffè. Due sono i più diffusi: il primo è quello con l’orzo solubile, la polvere pronta da sciogliere in acqua calda o latte caldo, nella quantità e nel formato che si preferiscono. Sicuramente una delle soluzioni più comode.

L’altra alternativa è quella di utilizzare l’orzo in capsule o in cialde: una soluzione pratica, veloce e anche economica. Esistono tantissime tipologie di compatibili, di diversi marchi, più o meno dolci. Dovrai solo scegliere il gusto che preferisci e selezionare il tipo di monodose adatto alla tua macchina caffè. Al resto ci penserà proprio il tuo elettrodomestico di fiducia, quello che di solito utilizzi per preparare l’espresso.

Come fare il caffè d’orzo con la moka

Non hai una macchina da caffè espresso, e nemmeno un elettrodomestico specifico per la preparazione del caffè d’orzo. Oppure, più semplicemente, preferisci che la bevanda che andrai a gustare sia quella realizzata con il cereale “puro” tostato, macinato e imbustato invece che quello solubile in capsula. Nessun problema, sapevi che è possibile fare il caffè d’orzo con la moka?

Ti occorrerà, per l’appunto, una classica macchinetta, dell’acqua minerale in bottiglia e una confezione di orzo per moka. Procedi così:

  • riempi di acqua il serbatoio della moka, senza oltrepassare la valvola;
  • posiziona il filtro e, con un cucchiaino, versa l’orzo macinato ma senza riempire del tutto il contenitore (sarà sufficiente una quantità minore rispetto alla polvere caffè);
  • chiudi bene la macchinetta e mettila sul fuoco a fiamma bassa;
  • dopo pochi minuti, la bevanda è pronta. Versa in tazzine calde e zucchera a piacere.

Caffè d'orzo con la moka

Piccola raccomandazione: non aspettare troppo tempo prima di lavare la caffettiera, non appena si sarà raffreddata butta i fondi e sciacquala sotto abbondante acqua corrente, soprattutto il filtro. L’orzo ha una macinatura diversa, e questa semplice operazione eviterà alla miscela di seccarsi e di ostruire i pori del filtro della moka.

L’orzo migliore

Acquista il caffè d’orzo migliore, quello più adatto alle tue esigenze. Su Cialdemania trovi quello in cialde e capsule (compatibili con tutti i sistemi di macchinetta espresso), dolcificato o anche senza zucchero, da preparare in pochi istanti con la tua caffettiera.

Inoltre, per chi possiede un bar o più semplicemente una macchina per i solubili, possiamo fornire anche l’orzo solubile professionale in polvere, in confezioni da 250 grammi. Buono, naturale, perfetto per te e per i tuoi clienti.

Prova il nostro orzo solubile