Qual è la differenza tra cialde e capsule caffè? Come faccio a distinguerle? Sono proprio queste le domande che sempre più spesso i nostri clienti ci rivolgono: magari sarà capitato anche a te, a volte, di non saper rispondere al semplice interrogativo “che macchina caffè utilizzi? A capsule o a cialde?”.

Differenza tra cialde e capsule caffè

E ripensandoci ti torna in mente lo sguardo perplesso ed il silenzio che nasconde frasi tipo “ma non è la stessa cosa?”. No, non è la stessa cosa, e con questo articolo cercheremo di aiutarti a distinguerle a colpo d’occhio. O magari anche a scegliere la tua nuova macchina da caffè, in base alle caratteristiche dei diversi sistemi e alle tue esigenze.

Differenza tra cialde e capsule di caffè

C’è un parametro su tutti che ti aiuterà a capire al volo quale dei due sistemi hai di fronte: le capsule caffè sono tutte di plastica o di alluminio, rigide e dure, con forme diverse in base alla macchina da caffè per la quale sono destinate. Tra le più diffuse troviamo le capsule Espresso Point, cilindriche e in plastica bianca; le A Modo Mio, in plastica scura leggermente più appiattite e larghe; o ancora quelle destinate alle macchinette Nespresso, dalla forma più allungata e realizzate in alluminio.

Le cialde, invece, sono di carta, in cellulosa, appiattite e morbide, due fogli perfetti che racchiudono la miscela che più ti piace.

Non puoi sbagliare, è una differenza evidente che ti aiuterà a ricordare anche cosa consumi e a non sbagliare, nel momento in cui dovrai acquistare altro caffè.

Ma non finisce qui. Vediamo insieme nello specifico tutte le loro peculiarità.

Cosa c’è nelle cialde del caffè?

Certo, ovviamente il caffè, ma non solo. E poi, che caffè? Facciamo un passo alla volta.

Sia nelle cialde sia nelle capsule trovi racchiuse le perfette miscele di Arabica e Robusta, i chicchi più diffusi provenienti da tutto il mondo. Vengono torrefatti e macinati, e quindi combinati tra di loro. Miscele perfette per grammatura e differenti tra di loro per gusto, profumo, cremosità, intensità.

Diversi sono i sistemi, diversa è quindi anche la quantità: le cialde ESE ospitano, generalmente, una grammatura compresa tra i 7 ed i 7,5 grammi di miscela.

Le capsule invece contengono di solito fra i 5 ed i 6 gr di pregiata polvere scura, ma la quantità varia in base al modello di compatibile (più o meno miscela in base al sistema).

Ma, come accennato, non solamente espresso. Nello stesso formato puoi trovare anche tè, orzo, ginseng, cioccolata, tisane, bevande calde golose o più salutari.

La tua macchina da caffè diventa davvero una fonte di gusto e di vitalità in ogni momento della giornata, da preparare e sorseggiare a piacimento.

Il caffè in cialde fa male?

Il caffè in cialde fa male, o lo stesso quello in capsula, se se ne abusa. E’ un discorso collegato solo alla caffeina che contiene, che potrebbe causare nervosismo e problemi a prender sonno se assunta in quantità eccessiva.

Per il resto, queste deliziose perle di caffè vengono realizzate seguendo tutti gli standard igienici, con materiali e materie prime di qualità.

Una capsula di caffè viene confezionata in atmosfera protetta, e vista la loro conformazione strutturale si auto proteggono. Questo tipo di contenitore permette infatti di avere la garanzia di massima igiene e di evitare ogni tipo di aggressione da parte di agenti esterni. Le confezioni in commercio possono essere sia monodose che con più capsule, elemento da considerare attentamente pensando al consumo che se ne farà.

Una cialda di caffè, invece, viene confezionata sempre in monodose. Come per le capsule, anche loro vengono confezionate in atmosfera protetta e chiuse in maniera ermetica, in modo da garantire sempre un caffè di ottima qualità.

Il consiglio è sempre quello di mantenere le confezioni lontane da fonti di calore e da luce.

Come riciclare le capsule del caffè?

Vista l’infinita produzione giornaliera in tutto il mondo di cialde e capsule di caffè, l’argomento biodegradabilità non ha tardato ad accompagnare il loro successo.

Raccolta differenziata involucro del caffè: anche tu ti stai chiedendo dove buttare le cialde di caffè? Vediamolo nello specifico.

Capsule in alluminio o plastica: non sono riciclabili, in quanto contengono sia alluminio, o plastica, che caffè. Per assurdo si dovrebbero aprire per poi riciclare separatamente la parte esterna dalla miscela all’interno. Ma è troppo scomodo e richiederebbe tempo, a discapito quindi della praticità. Ultimamente però, per fortuna, le aziende stanno lavorando ad una capsula biodegradabile, compostabile, per favorire lo smaltimento ecologico di questo prodotto e salvaguardare l’ecosistema.

Nessun problema invece per le cialde: essendo composte di carta e di semplice caffè macinato possono essere gettate nell’umido. Riciclabili al 100% e pratiche. Un fattore che sicuramente ha influito sulla loro diffusione e che le ha rese oggi uno dei sistemi più apprezzati in assoluto.

Costano più le cialde o le capsule?

Altro parametro che viene sempre più spesso tenuto in considerazione. Prima di tutto, diciamo che le le cialde e le capsule compatibili costano meno delle originali (a volte, sensibilmente di meno), ambedue realizzate con la massima cura per ogni passaggio.

Come riciclare le capsule del caffè

Riguardo alla distinzione tra le due, le cialde sono leggermente più economiche delle capsule. Parliamo di una differenza irrisoria, a volte anche di 1 o 2 centesimi, che è giusto però evidenziare e che sulle grandi quantità fa la differenza.

Cialde o capsule, importante che siano di qualità

Se vuoi una garanzia sul miglior prezzo, non devi andar lontano. Visita il nostro sito, tantissime cialde e capsule diverse ai prezzi più bassi del web.

Speriamo di essere riusciti a far chiarezza sulla differenza tra cialde e capsule. E tu quale sistema preferisci? Con quale delle due tipologie ti trovi meglio? Dicci la tua!

cialde e capsule: clicca qui e scopri le nostre