Come fare un buon Caffè

Come fare un buon caffè? Preparare una tazzina profumata è un rito. La differenza tra un caffè fatto a regola d’arte e un beverone non meglio identificato si sente! Per questo abbiamo raccolto per te una serie di accorgimenti, i segreti indispensabili per far sì che il tuo caffè sia davvero un piacere da bere.

Come fare un buon caffè

Molti credono che per preparare un caffè perfetto sia sufficiente avere una buona moka o una macchina del caffè espresso ben funzionante. In realtà non è così: fare il caffè è anche questione di esperienza, ci sono piccoli segreti che devi conoscere. Ecco perché li abbiamo racchiusi tutti in questo articolo.

Caffè fatto bene: tutti i modi per prepararlo

Il caffè si può fare con la macchinetta espresso, ormai da qualche anno non più solo al bar ma anche a casa o al lavoro, o con la moka. Oppure puoi usare il caffè solubile che si scioglie versandone la giusta dose in acqua calda (chiaramente, ogni soluzione con risultati diversi).

C’è anche il caffè all’americana, molto apprezzato e di moda, ma ben lontano dall’espresso che piace tanto a noi italiani. Questo tipo di american coffee è quello che vediamo nei film, che si tiene nelle caraffe e viene servito e consumato ovunque in bicchieroni enormi (i famosi mug).

In Italia, dove siamo veri maniaci del caffè, una tazzina corroborante è un piacere irrinunciabile. Magari in buona compagnia. Negli ultimi anni siamo sempre più propensi alla preparazione fai da te. Ma non sempre riusciamo a fare un caffè come al bar, schiumoso e cremoso. Cosa fare in questo caso? Come si prepara un buon caffè? Continua a leggere.

I segreti per fare il caffè buono come quello del bar

Perché in alcuni bar il caffè è buonissimo mentre in altri fa venir voglia di lasciarlo nella tazzina subito dopo averlo assaggiato? Come mai il caffè con la moka non viene cremoso come l’espresso del bar?

Perché con le macchine caffè i miei amici riescono a fare un ottimo espresso mentre il mio sa di bruciato o è poco aromatico? Come si prepara un caffè che possa veramente essere definito tale?

Ti fai anche tu queste domande? Leggendo questo articolo potresti trovare la risposta a tanti dubbi. Ora però vuoi conoscere i segreti per preparare un caffè cremoso e degno del miglior bar. In realtà ci sono dei piccoli accorgimenti che abbiamo cercato di riassumere in questo articolo, ma non esistono trucchi clamorosi.

Per fare un buon caffè – a casa, in ufficio o al bar – devi scegliere una miscela di qualità, una macchina pulita e adeguata alle tue esigenze e l’acqua migliore. Tutto si basa su questi tre elementi.

Come fare un buon caffè al bar

Tutti sanno che solo alcuni bar fanno il caffè buono. Anche se, inspiegabilmente, perfino dove l’espresso è una bontà può capitare talvolta di bere delle ciofeche.

Come fare il caffè buono al bar

Di motivi ce ne possono essere tanti. Il caffè di qualità dipende dalla miscela utilizzata, dalla macchinetta, dalle condizioni atmosferiche e dalla macinatura del caffè. Ma anche dalla dose di polvere inserita nel braccetto erogatore e da quanto viene pressata, dalla temperatura e dalla qualità dell’acqua. Senza dimenticare il tempo in cui il liquido attraversa il caffè in polvere per giungere nella tazzina.

Sembra un gesto semplice, ma fare il caffè è un’arte. È un processo delicato. Se uno solo di questi fattori viene a mancare ecco che la pausa caffè si trasforma in un momento da dimenticare.

Esiste addirittura una precisa figura professionale, un addetto al controllo di tutti i parametri riportati sopra. L’esperto si occupa di impostare, con precisione e tempismo maniacali, la macchina, regolando pressione, temperatura e grado di macinatura dei chicchi.

In breve, quali sono i parametri ottimali che un barista deve tenere in considerazione per servire un magnifico espresso? Come si fa il caffè al bar? Ecco i punti essenziali:

  • Qualità del caffè, intesa come marca e miscela scelta.
  • Macinatura, quanto più l’aria è umida tanto più deve essere fine.
  • Quantitativo di polvere per ogni caffè, dai 7 agli 8 grammi.
  • Pressatura del caffè nel braccetto, bisognerebbe imprimere una forza pari a 12 kg.
  • Pressione di lavoro della macchinetta, tra gli 8,5 e i 9,5 bar, quella ideale deve stare intorno alle 9 atmosfere.
  • Temperatura dell’acqua, idealmente deve essere intorno agli 88/90° C.
  • Tempo di erogazione del caffè, l’acqua deve scorrere all’interno della polvere, con un processo che si chiama percolazione, dai 23 ai 25 secondi.
  • Pulizia giornaliera del porta filtro.

Come riconoscere un buon caffè?

Se nella preparazione viene impiegata una dose di polvere insufficiente, inadeguata o macinata troppo grossolanamente, si ottiene un caffè privo di cremosità e poco gustoso, senza corpo. In questo caso si parla di caffè sotto estratto.

Se al contrario il barista inserisce nel filtro della macchina troppo caffè, la macinatura è stata fatta a grana troppo fine, oppure la macchina è tarata a una temperatura molto alta, il risultato in tazzina avrà una crema troppo densa e scura. Contraddistinta da una macchiolina schiumosa sulla superficie: questo è un caffè sovra estratto.

L’espresso perfetto del bar, estratto al punto giusto, deve assumere una colorazione “tigrata”, dai toni nocciola – testa di moro. Questo caffè deve essere compatto e senza bolle, fino alla degustazione.

Ad ogni sorso si percepisce il sentore del cioccolato, del pane tostato con lievi note agrumate. Non deve essere astringente e l’amaro deve essere appena percepibile. Anche queste sensazioni variano in base alla miscela. Si avrà un espresso più dolce e aromatico se il caffè è a prevalenza Arabica, più intenso e corposo se a prevalenza Robusta. In generale, un caffè doc per essere considerato tale si deve poter bere senza zucchero, restando piacevole al palato.

Come fare un buon caffè con la moka

Così come al bar, anche a casa puoi preparare un caffè perfetto e cremoso. Qui trovi i consigli da mettere in pratica per fare un ottimo caffè con la moka, ovvero la macchinetta, immancabile oggetto in tutte le case degli italiani. Anche chi ha la macchina da caffè espresso sicuramente ne possiede almeno una. Vediamo come utilizzarla al meglio.

Come fare un buon caffè con la moka

Prima di iniziare è giusto sottolineare un punto: fare il caffè come quello del bar è impossibile. O meglio, fare un caffè con la moka che risulti come quello del bar è impossibile. Eppure, c’è ancora chi preferisce l’aroma e l’inebriante sapore della bevanda preparata con questo antico elettrodomestico da mettere sui fornelli, un caffè buono da gustare dopo pranzo o quando arrivano gli amici a casa. In ogni caso ecco i consigli e i segreti per preparare un ottimo caffè a casa.

Scegli un buon caffè

Acquistare una buona polvere di Coffea è essenziale. È evidente che se si compra una miscela scadente non si possono ottenere dei buoni risultati. Pochi centesimi di differenza sul prezzo spesso contraddistinguono sapori e fragranze deliziose da gusti decisamente meno piacevoli.

Se hai la possibilità compra il caffè in chicchi: scegliere il caffè in grani permette di conservare inalterate, fino al momento della macinatura, tutte le caratteristiche della miscela appena tostata.

Macina i chicchi di caffè al momento

Anche se ci vuole più tempo, il vero rito della preparazione del caffè con la moka richiede che i chicchi siano macinati un attimo prima di mettere la polvere nel filtro. Ne guadagnerà l’odore e il sapore. Un trucco per i più precisi: c’è differenza anche tra la macinatura fatta col macinino elettrico e quella con il macina caffè a manovella.

Conserva il caffè nel modo giusto

Poiché il caffè ha la capacità di assorbire gli odori e l’umidità, devi tenerlo in un contenitore chiuso ermeticamente, lontano da altri alimenti e in un luogo fresco e asciutto. Tutti gli aromi della miscela si manterranno inalterati.

Quanta e quale acqua mettere nella macchinetta

Il tipo di acqua utilizzato fa la differenza tra un espresso piacevole da consumare e un caffè pessimo. Scegli acqua minerale in bottiglia, più pura e quindi meno dura. Deve essere a temperatura ambiente: non è vero che un’acqua più calda arriva prima ad ebollizione. Inoltre, usane il giusto quantitativo: non superare la valvola nella parte superiore della caldaia.

Quanto caffè mettere nella moka

Riempi il filtro con la giusta dose di miscela: né troppa, né troppo poca. Versane un cucchiaino alla volta finché non si crea una sorta di montagnetta di caffè. Se si ha l’abitudine di pressarla col cucchiaino, ricordarsi di fare 3 piccoli buchi con uno stuzzicadenti.

I segreti per fare il caffè con la caffettiera

Ricordati di stringere la moka a dovere dopo averla avvitata e poi metterla sul gas tenendo però il fornello a fiamma bassa. Non appena il caffè inizia a gorgogliare, onde evitare che la condensa del vapore si mescoli al caffè che sta uscendo, è bene sollevare il coperchio e poi spegnere il fuoco qualche secondo prima che il bricco sia completamente pieno.

Gira il caffe’ nel bricco con un cucchiaino prima di versarlo nelle tazzine, in modo da renderlo omogeneo (il liquido più denso uscito per primo, con quello più leggero uscito alla fine). Assolutamente sconsigliato lasciar bollire il caffè sul fuoco, poiché in tal modo non si farebbe altro che bruciarlo. Usa tazze scaldate con acqua bollente, zucchera e servi caldo, per avere una resa insuperabile.

Come fare il caffè con la schiuma

Per fare il caffè cremoso simile a quello del bar devi curare una serie di elementi. La presenza o meno di crema nel caffè dipende dalla temperatura dell’acqua che deve essere mantenuta costante intorno ai 90 gradi. Poi c’è la composizione della miscela utilizzata: più è equilibrata la presenza di arabica e robusta più cremoso è il caffè.

Se si vuole fare il caffè cremoso anche con la moka, basta mettere un cucchiaino di zucchero in una tazza, aggiungere le prime gocce di caffè appena sgorgate nel bricco e girare il tutto fino a creare una vera cremina consistente.

In alternativa si può mettere dello zucchero direttamente nel bricco, in modo che la cremina si formi man mano che il caffè viene fuori. I puristi del caffè però non lo farebbero mai, lo considerano un sacrilegio.

La domanda: “Perché il caffè con la moka non fa la schiuma come quella del bar?”. Per fare il caffè cremoso è indispensabile che l’attraversamento dell’acqua nel caffè macinato avvenga a una pressione di almeno 9 atmosfere (cosa possibile solo per le macchinette espresso del bar o anche una macchina espresso per casa di buona qualità), mentre la moka di casa arriva a malapena a 1,1 atmosfere. Per questo, se vuoi un caffè schiumoso, devi usare sempre il vecchio trucco dello zucchero.

Come fare un buon caffè con la moka

  • Scegli la migliore miscela
  • Se possibile, usa i chicchi di caffè
  • Usa acqua minerale
  • Riempi la caldaia fino alla valvola
  • Metti la giusta quantità di caffè nel filtro
  • Avvita bene la moka
  • Metti la macchina su fuoco lento
  • Servi in tazze bollenti

Manutenzione della macchinetta del caffè

Evita di lavare la moka con acqua e un sapone troppo aggressivo a ogni utilizzo, l’odore gradevole del detergente non sarà altrettanto piacevole quando ti ritroverai a bere un caffè al retrogusto di arancio o lavanda, per esempio! Vuoi eliminare l’eventuale accumulo di calcare che potrebbe crearsi nel tempo? Basta avere l’accortezza di fare degli sciacqui periodici con aceto mischiato ad acqua calda.

Se la moka è nuova o non viene usata per periodi molto lunghi, oppure è stata cambiata la guarnizione, farla andare sul gas riempiendola di acqua come al solito e mettendo nel filtro una piccola quantità di caffe. Se la moka comincia a perdere basta cambiare la guarnizione, il nostro prezioso e insostituibile strumento erogatore di bontà tornerà ad essere come nuovo.

Il miglior espresso con la macchina da caffè

Grazie alle loro dimensioni ridotte, alla loro praticità e qualità, le macchine da caffè preparano un ottimo espresso e sono diventate immancabili anche negli uffici e in altri luoghi di lavoro. Le macchine da caffè espresso da qualche anno a questa parte stanno soppiantando sempre più la classica moka riducendo l’abitudine di prendere il caffè al bar.

Come fare un buon caffè con la macchina espresso

Le macchine da caffè espresso non sporcano, hanno una manutenzione ridotta all’osso, e permettono di preparare in pochi secondi anche cappuccino, cioccolata calda, caffè alla nocciola e qualsiasi bevanda in cialde o in capsule.

Praticamente si risparmia tempo e denaro. Per rendersene conto basta confrontare il costo di ogni tazzina preparata in casa con quello applicato da una qualsiasi caffetteria o bar. Anche in questo caso però, per bere un caffè perfetto bisogna adottare qualche accorgimento.

Espresso perfetto preparato con la macchina per il caffè

Innanzitutto, se ancora non la possiedi o hai intenzione di ricomprarne una nuova, assicurati di acquistare una buona macchinetta da caffè. Per lo meno una con un buon rapporto qualità-prezzo, anche senza spendere cifre da capogiro. Ecco qualche marca che ti suggeriamo: Didiesse, Spinel, La Piccola.

Per quanto riguarda il caffè, che sia in grani, macinato, in cialde o in capsule, non accontentarti di una miscela qualunque. Provane diverse finché non trovi quella che più ti piace e che sarà quindi quella giusta per la tua macchinetta.

Quindi, come preparare un buon caffè con la macchina espresso? Svuota, risciacqua e riempi il serbatoio con acqua a temperatura ambiente, accertandoti prima che sia sempre ben pulito e privo di calcare. Anche in questo caso è preferibile utilizzare acqua minerale in bottiglia.

Prima di inserire la capsula o la cialda e procedere con il caffè assicurati che la macchina sia arrivata a temperatura. Due consigli: prendi l’abitudine di utilizzare tazzine calde, sentirai la differenza! E ancora, usa tazzine dalla forma a megafono, più strette sul fondo che si allargano andando verso il bordo: questo permette al tuo caffè di essere ancora più cremoso.

Arresta l’erogazione del caffè quando il liquido ha raggiunto un livello pari a due terzi della capienza della tazzina. La profumata bevanda scura è adesso pronta per essere sorseggiata lentamente, godendo di ogni profumo e retrogusto.

Ora prepara il tuo caffè speciale

Ecco tutti i segreti e tutti i trucchi: ora sai come fare un buon caffè. Non ti resta che assaporare questa meravigliosa esperienza, piacevole all’olfatto e al palato.

CLICCA QUI E SCOPRI LE MIGLIORI OFFERTE CAFFÈ

Articolo pubblicato giovedì, 6 luglio, 2017

Altri informazioni su:
Ricette di Caffè


Cosa ne pensi?
Lascia il tuo Voto Cliccando le Stelline

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle
(31 voti - media: 9,42 su 10)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

46 Commenti

  1. Salve ho comprato una macchina da caffè espresso della gaggia che usa sia caffè in polvere che cialde …. il caffè con le cialde esce sempre un po’ acquoso e lento ho provato sia Borbone blu che kimbo … come mai ?

    1. Salve Mauro, non è una caldaia vapore! La caldaia vapore va in pressione, questa non va in pressione. Confermo che la temperatura è quella. Saluti! :)

    1. Salve Antonio, in realtà questa operazione non è consigliata…il macinato per la moka va usato solo sulla moka, perché ha una macinatura particolare e diversa rispetto a quella realizzata per le macchine espresso! Saluti

  2. Ciao a san valentino ho regalato a mia moglie macchina x caffe ariete vintage Non riusciamo a bere un caffe decente abbiamo provato varie cialde e caffe ma e sempre osceno Puo essere colpa che la macchina e ancora troppo nuova!! Grazie buon lavoro Loris verona

    1. Salve Loris, assolutamente sì! Può dipendere dal fatto che la macchina debba sciogliersi, oppure provi ad utilizzare altri tipi di caffè! Saluti e buona giornata

  3. Buongiorno, ho comprato una macchina automatica per caffè espresso che funziona veramente bene. Essendomi rimaste due confezioni di caffè per moka volevo sapere se potrei utilizzarle lo stesso nella macchina per espresso oppure rischio di rovinare qualcosa. Grazie.

    1. Salve Federica, è meglio non rischiare e acquistare un caffè specifico…quello della moka ha una macinatura diversa, che rischia di rovinare/otturare la macchina nuova!

    1. Questa è un’informazione che purtroppo non so darle…ha provato a cercare in internet o a vedere sul ricettario/istruzioni dell’elettrodomestico? Saluti

  4. Salve, io e Mia Moglie abbiamo comprato da una settimana Ariete Classica (Retrò). Abbiamo tolto la Mokona Bialetti perché ormai non andava più bene. Non riesco a capire perché, quando faccio il macinato (filtro 2 tazze) e faccio erogare il caffé, non esce esattamente la stessa quantità di caffè da entrambi i beccucci. Esce più velocemente da un lato e più lentamente dall’altro…e da una parte esce una bella crema e dall’altro no….e ciò non è possibile, essendo la macchina nuova di zecca. Cosa sbagliamo?? Inoltre nel manuale c’è scritto chiaramente che non sui deve usare acqua frizzante…

    1. Salve Roberto, esattamente, l’acqua frizzante non va usata! Ha provato a cambiare la grana del macinato? Saluti

      1. A dir la verità utilizziamo Lavazza e Kimbo…abbiamo provato ad utilizzare ad esempio Illy, ma il caffé è venuto male perché la grana è troppo fine rispetto agli altri. Cosa ci consiglia di utilizzare?

      2. Se provate ad utilizzare i grani e a realizzare voi la giusta miscela con la giusta grana, con un macina caffè?

  5. íσ hσ unα mαcchínα dα cαffè αllα αmєrícαnα, íl cαffè nσn єѕcє rímαnє nєl вríccσ ѕupєríσrє є nєllα вrσccα ѕσlσ αcquα.

    1. Salve Mely, che caffè usa? Provi con una miscela a grana leggermente più fine, o con un altro tipo di cialda. Saluti!

    1. Salve Antonio, in assoluto acqua naturale! Non ci sono dei valori precisi, un’acqua naturale in bottiglia va più che bene! Saluti

  6. Ho comprato una macchina x caffè de Longhi ma il caffè non mi soddisfa forse se mi aiutate a trovare un caffè profumato e gustativo grazie

  7. Fare il caffè nella Moka dipende da quanta aria c’è nel contenitore dell’acqua. Se è sotto la valvola, è troppa, l’aria in confronto all’aria ha più pressione scaldando la Moka e quindi esce prima ed il caffè è pù freddo, se invece mettete più acqua da superare la valvola c’è il contrario, meno aria e quidi fa più fatica ad arrivare alla pressione giusta, l’acqua esce un poco alla volta caldissimo ma non riesce a carpire le sostanze del caffè che è nel filtro e c’è il rischio che scoppi la macchinetta. Poi se macini fino l’acqua fa fatica ad uscire se pressato ed anche qui c’è il pericolo che scoppi. Quindi riepilogando, riempire appena sopra il pallino della valvola senza superare la valvola, poi macinare non troppo fine e ne troppo grossolano e poi….fatevi la croce.

    1. Giuseppe…tanto di cappello a questo suo commento! Grazie di aver condiviso con noi e con i lettori i suoi consigli, e diciamo che il suggerimento finale la dice lunga sul fatto che…fare un buon caffè con la Moka è tutt’altro che facile! :) grazie ancora, a presto!

  8. Ciao, possiedo una macchinetta per il caffe Podstar sgl a cialde ,ho provato tanti tipi di caffe ma nonostante tutto il caffe non esce corposo,risulta sempre un po acquoso . Quanto tempo bisogna lasciarla accesa prima del caffe ,avete qualche consiglio sul tipo di cialda da utilizzare ?

    1. Buongiorno Alex, per le cialde prediliga miscele a prevalenza Robusta: Lollo Nero, Borbone Rosso…in un paio di minuti la macchina raggiunge la temperatura ideale! Provi e ci faccia sapere. Saluti!

    1. Salve Ivan, dipende tutto dal modello di macchina! I modelli più semplici garantiscono un tipo di espresso, magari diverso da macchine di fascia medio-alta o alta. Dipende poi anche dai materiali: l’ottone, per esempio, è un ottimo conduttore del calore. Saluti!

      1. Salve Massi, è vero! La Piccola garantisce un caffè superlativo, è una delle linee migliori che trova sul nostro sito e non solo!

  9. ho una macchina da caffè per espresso che uso con grande soddisfazione per il caffè macinato, in molti casi migliore di quello al bar.
    Purtroppo con le cialde pur avendo il portafiltro dedicato e provato vari tipi e marche il risultao è deludente, il caffè scende troppo veloce, la pressione di estrazione ovviamente impossibile da raggiungere, stesso dicasi per le cialde d’orzo.

    1. Ciao Loris! Innanzitutto complimenti, perché il tuo racconto significa che hai trovato la perfetta quantità di polvere di caffè per preparare il tuo espresso (e anche se sembra facile, non lo è affatto), e hai anche imparato ad esercitare la giusta pressione al macinato che utilizzi. Per quanto riguarda l’orzo, invece, ti dico che da una macchina ad uso domestico non ci si può purtroppo aspettare, soprattutto con le cialde, una bevanda come quella del bar: i professionisti utilizzano generalmente prodotto solubile, ben diverso da quello che ritroviamo nei filtri. Per quello che concerne il caffè, invece, dovresti poter riuscire ad avere comunque una buona tazzina: hai provato a chiedere delucidazioni in merito dal negozio presso il quale hai comprato l’elettrodomestico? Che tipo di cialde hai utilizzato/utilizzi? Un saluto!

  10. ho provato più macchine da caffè, sia in cialde che in capsule ma il caffè a me sembra sempre molto leggero molto lontano da definirlo come quello del bar. in cosa sbaglio? grazie

    1. Salve Irene, ha provato diverse miscele? Soprattutto quelle a prevalenza Robusta? Sono queste a dare le tazzine più corpose e cremose :)

  11. Ho appena comprato la macchina da caffé krups con le cialde, ma il caffè scende troppo veloce è non è cremoso…grazie

    1. Salve Gerardina, ha provato magari con una miscela a prevalenza Robusta? È la tipologia di caffè che garantisce una tazzina più cremosa e corposa!