Cialde Caffè: tutto quello che c’è da sapere

Cosa sono le cialde caffè? Che differenza c’è tra il caffè in cialda e quello in capsula? Cosa si intende per cialde ESE? Meglio caffè in cialde o in capsule? Quanti tipi di cialde sono?

Queste alcune delle domande più frequenti che ci vengono rivolte da chi acquista per la prima volta una macchinetta espresso. Di seguito tutti i chiarimenti.

cialde caffè

Le cialde caffè nascono precedentemente alle capsule, precisamente nel 1974, ad opera del marchio Illy che con questa invenzione permise per la prima volta di poter preparare e degustare, sia a casa che in ufficio, l’espresso buono come quello del bar.

Furono successivamente ribattezzate cialde ESE, acronimo di easy serving espresso, ovvero l’espresso facile da servire, che gradualmente divennero lo standard più usato, e contraddistinte tutt’oggi come allora da un involucro in carta.

Al suo interno è contenuto il caffè in polvere pronto da preparare ricorrendo a speciali macchine dotate di una base a cui viene appoggiato il filtro, successivamente attraversato da acqua bollente.

Praticamente dosi monoporzione circolari dal diametro di 44 mm, che racchiudono all’interno 7 grammi di macinato, pressato e chiuso in maniera ermetica tra due sottili strati di carta filtrante.

Cialde ESE: informazioni utili

A onor di cronaca occorre specificare che oltre alle cialde standard ESE ce ne sono diversi altri (addirittura quelle per fare il caffè con lo smartphone!).

Le suddette sono quelle maggiormente diffuse perché compatibili con la maggior parte delle macchine da caffè disponibili in commercio, dando modo di cambiare marche di caffè a piacimento, senza per questo dover sostituire la macchinetta.

Tra gli altri tipi menzioniamo, a puro scopo informativo, anche alcune di quelle appartenenti ad altri sistemi:

  • cialda tonda: 55 mm di diametro, con o senza lembo;
  • cialda quadrata: formato 55 × 70 mm;
  • cialda doppia tonda: 70 mm di diametro.

Dunque assodato che se si vuole acquistare una macchina a cialde è bene sceglierla tra quelle che utilizzano lo standard ESE, cerchiamo ora di comprendere la differenza tra cialde e capsule.

Le prime abbiamo già spiegato cosa siano; riguardo il caffè in capsula, si tratta invece di involucri rigidi contenenti caffè, realizzati in alluminio, materiale plastico, o talvolta anche di composti biodegradabili (capsule compostabili).

Piccola curiosità: un po’ di confusione tra i consumatori si è creata perché, fino a qualche anno fa, Lavazza commercializzava le sue capsule chiamandole cialde, salvo poi fare marcia indietro denominandole nella maniera più appropriata come fanno tutti.

Le capsule sono vendute in Italia da circa trent’anni, ma solo di recente hanno veramente riscosso il gradimento dei consumatori.

Ad inventarle fu, nel 1984, l’azienda statunitense Mars Drink, che ideò e commercializzò per la prima volta il sistema denominato Flavia.

Fu poi la volta delle Nespresso, nel 1986, che segnarono l’avvento nel nostro paese delle capsule caffè.

Cialde e Capsule

A differenza delle cialde, i tipi di capsula hanno molti più standard, che spesso creano confusione nel consumatore al momento dell’acquisto di una macchinetta o dei relativi consumabili.

A Modo Mio, Bialetti, Borbone, Dolce Gusto, Espressopoint, Gimoka, Illy, Lavazza Blue, Lavazza Point, Kimbo, Lavazza Minu, Nespresso, Nescafè, Ristora, Saeco, Segafredo, Vergnano.

Praticamente c’è solo l’imbarazzo della scelta, tenendo conto che ogni tipo non necessariamente va bene per qualsiasi macchinetta; ognuna diversa per forma, peso e dimensione in base allo standard per il quale sono state concepite.

Anche se occorre precisare che molte aziende che commercializzano caffè producono capsule per vari sistemi, così come le imprese produttrici di elettrodomestici da espresso ad uso domestico.

Dunque se vuoi comprare una macchina a capsule quello che devi guardare prima di tutto è la compatibilità.

Le cialde sono meglio delle capsule? Cosa scegliere? Questi gli altri quesiti molto comuni, ai quali cercheremo di dare una risposta.

Sia le une che le altre sono semplici da utilizzare, consentono di ottenere un ottimo espresso, non sporcano e non creano sprechi.

Inoltre, fra i sistemi porzionati, senza dubbio quello che più si avvicina al procedimento tradizionale è il sistema a cialde.

Sono meglio le cialde o le capsule?

Stessa cosa dicasi per la fragranza, il sapore e il gusto poiché tutti e due i tipi sono confezionati in pacchetti monodose, proprio per mantenere inalterati gli aromi e i sapori fino al momento del consumo.

Giocano sicuramente a favore delle cialde i seguenti punti di forza: sono meno ingombranti, facilmente smaltibili perché vanno buttate nell’umido (basso impatto ambientale) e non ultimo per il prezzo che, a parità di caffè, bontà, qualità e gusto costano meno delle capsule.

Concludendo, se ti stai chiedendo se è meglio cialde o capsule caffè, tutto sta ai tuoi gusti personali.

CLICCA E SCOPRI LE MIGLIORI OFFERTE PER LE CIALDE CAFFÈ

Articolo pubblicato sabato, 21 maggio, 2016

Altri informazioni su:
Cialde e Capsule


Cosa ne pensi?
Lascia il tuo Voto Cliccando le Stelline

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle
(17 voti - media: 9,00 su 10)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

25 Commenti

  1. Ho comprato la macchina espresso SMEG funziona con il caffè in polvere e le cialde. Che tipo di cialde devo comprare? aiutooooooo!!!

    1. Salve Mara, dovrebbero essere le cialde ESE ma non tutti i modelli sono uguali…verifichi sulla confezione! Saluti

  2. Ho una piccola grande curiosità: le cialde hanno un verso, un lato da cui far entrare l’acqua e un altro da cui esce il caffè? Ho notato che le cialde ESE da un lato hanno dei “pallini”, delle piccole protuberanze o piccoli “bozzi”; dall’altro lato sono liscie. Questo mi fa pensare che abbiano un verso… Grazie.

    1. Salve sig. Luciano, grazie per il Suo commento! In realtà no, la cialda non ha un verso, i “pallini” che lei giustamente ha notato su un solo lato sono utili solo dal punto di vista interno, durante la produzione! Saluti

  3. Dettagliato,preciso e essenziale.Privo di lungaggini inutili e eccessiva terminologia tecnica.Domanda.Mi e’ stata regalata una macchinetta a cialde La Piccola con portafiltro 38S.Sto usando delle cialde da 38,e trovo una certa resistenza nella leva del braccetto(temo che si possa spezzare)Ho provato a svitare-avvitare il portafiltro per allentare la pressione del braccetto,ma il risultato e’ stato quello della perdita di liquido.Gradirei conoscere la differenza tra 38 e 38S.Grazie

    1. Buongiorno, grazie per questo suo commento! Per poter rispondere bisognerebbe capire di quali cialde si parla, in realtà però dovrebbe essere solo minima la differenza e riguardante il filtro carta…posso dirle, però, che se sente il braccio “duro” all’inizio è normale, è la macchina nuova che con il tempo si ammorbidisce! Saluti.

  4. Salve, da circa 7 mesi ho acquistato una macchina caffè della Faber utilizzando caffe in cialde ESE 44mm da 8 grammi.
    In questo ultimo mese ho avuto dei problemi per quanto riguarda la macchinetta (si è spezzata la leva in acciaio..sono superman :D :D) e parlando con loro e il centro assistenza della mia città ho ricevuto come risposta che la loro Macchina accetta cialde ESE 44mm da 7 grammi e che il danno è stato causato dell’inesatta grammatura delle cialde che ho utilizzato (da tenere in considerazione che un mio parente usa stesse cialde e stessa macchinetta da mesi senza nessun problema).
    Ora a parte il fatto che nel manuale della macchina non è neanche specificata ne tipologia di cialde ne grammatura da utilizzare
    vorrei capire se possibile tramite voi in che modo quel grammo in più possa inficiare sul danno recato alla macchina.
    Mi sembra un po’ esagerato dare la colpa del danno a quel grammo in più…o mi sbaglio?

    Saluti, Pietro.

    1. Salve Pietro, le hanno detto il vero…e in effetti questa è una cosa che forse, la casa madre, farebbe bene a specificare sul libretto. Usando cialde da 8g (quindi una grammatura maggiore rispetto alle classiche 7 o 7,5) a lungo andare la pressione esercitata può rompere la leva, piuttosto sottile tra l’altro. Anche un nostro cliente (c’è un altro Superman :D) ha rotto la leva come Lei perché, essendosi questa leggermente allentata e uscita dalla filettatura, si è spezzata in due. Quindi ci auguriamo che la casa madre sostituisca presto questa levetta con una più resistente (anche perché parliamo di un dettaglio in una macchina OTTIMA), o metta sul libretto di non utilizzare cialde di una grammatura superiore a 7 grammi. Saluti da tutti noi!

  5. Signori buonasera
    Ho acquistato una macchina che utilizza cialde da 70mm.
    Dove posso trovarle?
    Le cialde senseo sono da 70mm?
    Grazie saluti :)

    1. Salve Ivano! Purtroppo credo che, per la Sua macchina, siano utilizzabili solo quelle originali fornite dalla stessa azienda dalla quale ha comperato la macchina. Purtroppo noi non trattiamo le 70 mm (è un sistema chiuso), ma solo le universali ESE 44mm. Saluti!

  6. Buona sera; da tantissimi anni uso macchine espresso utilizzando caffè in polvere. Ho voluto provare le cialde e mi sono affidata a Lavazza qualità rossa, che è poi la polvere che uso. Risultato: acqua… Domanda: posso aprire le cialde ed utilizzarne il contenuto?
    Grazie e buon proseguimento.

    1. Salve Gigliola, teoricamente no perché la macinatura dei chicchi destinati alle cialde è diversa da quella del caffè macinato classico. Certo, se vuole usare questa soluzione per non sprecare caffè…faccia però attenzione al filtro della macchina: la macinatura più fine della polvere delle cialde potrebbe otturarlo con più facilità. Saluti!

  7. Salve. Da mesi ho problemi con la mia de longhi vintage. Uso sa sempre le Borbone blu ma spreco troppe cialde perché non filtra abbastanza caffè e si deposita molta acqua. Assistenza, decalcificante e proposto cambio del braccio, oggi in assistenza mi hanno detto di cambiare cialda e di trovare solo quelle marchio ese 6,9 grammi max. La Borbone è 7,2… Mi sembra davvero strano come discorso… Ci sto rinunciando. Mi potete aiutare?

    1. Buongiorno Donata, ha avuto di questi problemi fin da subito o sono cominciati dopo un po’ di tempo?

    1. Salve Gaetano! No, le faccio un esempio: se l’azienda A produce una capsula originale con la sua miscela, l’azienda B produrrà la stessa capsula delle stesse dimensioni e forma, quindi stessa compatibile, con un’altra miscela, la sua. Ci sono però capsule che si equivalgono, per sapore e gusto (al gusto di una miscela dell’azienda A corrisponde il gusto di una miscela dell’azienda B). Saluti!

  8. Con la mia macchina gaggia qualsiasi cialda metto il caffè non viene bene,mi sapete dire quale cialda devo usare?Cordiali saluti.

  9. Buongiorno, io ho comprato una macchina gran Gaggia che posso utilizzare sia le cialde , Sia il caffè in polvere . Però ho un problema non riesco a trovare delle cialde che mi facciano un buon caffè , il caffè con le cialde viene acquoso, non capisco perché …

      1. Giovanni:anche io come Monica ho lo stesso problema e con macchina caffè gaggia.Quale cialde devo usare?Giovanni

      2. Considerate che un buon caffè si ottiene grazie all’interazione di diversi fattori: una buona miscela, una buona macchina, una buona acqua, una buona mano. Avendo le monodose, il problema di pressare la polvere non c’è; usate sempre acqua in bottiglia, fate raggiungere alla macchina la giusta temperatura, e prediligete miscele a prevalenza Robusta se amate l’espresso corposo, ottime sono per esempio il Lollo Nero, il Borbone Nero e anche il Rosso. Fateci sapere poi se funziona! :-)

    1. Buongiorno Giampiero! Esistono diverse grammature, uno dei marchi di cialde che trattiamo e che ha più polvere di caffè è Gattopardo…circa 8 grammi! Saluti